redazione

Informazioni personali
Città: Prato
Data di nascita: 30 Novembre 1999
Sito web: http://scuolamagazine.it/
Per contattare l'utente
Sabato 04 Dicembre 2010 // Cosenza

AmicÚ: successo per il consiglio comunale dei bambini

Un consiglio comunale in piena regola, ma dalla parte dei bambini. Quelli delle quarte e quinte classi delle scuole elementari della città che per un giorno hanno preso il posto di consiglieri comunali e assessori divenendo loro stessi amministratori e membri della più importante assemblea cittadina per la manifestazione “Amicò”, svoltasi questa mattina in un gremitissimo Teatro Rendano, il cui palcoscenico si è  trasformato per l’occasione in emiciclo consiliare.

 

La manifestazione, promossa dall’Amministrazione comunale e dall’Assessorato alle politiche dell’educazione guidato da Franco Napoli, ha fatto registrare la presenza di tutti i circoli cittadini delle scuole elementari della città, cui si è aggiunta una rappresentanza di studenti di Rende e delle scuole paritarie.

Ogni scuola ha provveduto a designare, tra gli allievi delle quarte e quinte classi, i 40 consiglieri e i 12 assessori bambini con, in più, un baby Presidente del Consiglio e un baby segretario generale.

Tutto come avviene  nella realtà di un vero Comune, con l’obiettivo di tenere un esperimento di educazione civica sul campo per far conoscere le funzioni e le molteplici attività del Comune e dei suoi organi politici, al fine di renderli sempre di più amici dei bambini. L’iniziativa “Amicò” è nata da un’idea del Sindaco Salvatore Perugini che l’ha mutuata dal titolo di un bel libro scritto dal sociologo calabrese Claudio Cavaliere e pubblicato dalla casa editrice di Belvedere Marittimo “Coccole e caccole” che, opportunamente guidata dall’editore Ilario Giuliano, è diventata un caso di eccellenza nel settore dell’editoria per l’infanzia e per ragazzi.

L’idea è stata prontamente sposata dall’Assessore Franco Napoli che questa mattina al Rendano ha introdotto la manifestazione.

“Amicò – ha detto Napoli - è un modo giocoso per entrare nella casa comunale e comprenderne il funzionamento. Sono certo che alcuni di voi un giorno siederanno veramente tra i banchi del consiglio comunale e della giunta e qualcuno, tra di voi, farà anche il Sindaco. Ecco perché – ha aggiunto l’Assessore Napoli – è importante conoscere sin d’ora le regole su cui si poggia il governo della città, rispettarle e farle rispettare.”

Entusiasmo dei bambini a mille quando in scena, chiamato dalla giornalista Anna Rita Callari, che ha abilmente condotto la manifestazione, è  entrato “Amicò” in carne ed ossa, il personaggio simbolo della casa comunale, cui hanno dato corpo e voce gli animatori della Ludoteca “Il mondo di Oz” e della Cooperativa “Pagliassi.it” che, insieme allo sforzo organizzativo delle cooperative comunali, messe a disposizione dell’Assessore Lopez, hanno garantito il successo dell’iniziativa.

Il personaggio “Amicò” ha chiamato a sua volta in causa il Sindaco Perugini e il consiglio comunale dei bambini ha potuto avere inizio, non prima, però, di aver declamato una filastrocca dedicata proprio al primo cittadino.

Dopo aver ringraziato gli insegnanti, “senza i quali la manifestazione non si sarebbe potuta fare”, Perugini si è rivolto direttamente ai bambini: “Voi ci date il gusto di andare avanti, perché siete insieme la nostra speranza e il nostro futuro. Sono orgoglioso di essere Sindaco di una città dove i bambini manifestano grandi risorse di intelligenza. L’iniziativa di oggi – ha aggiunto Perugini – può considerarsi la degna conclusione del progetto “Sindaco per un giorno” che abbiamo varato sin dallo scorso anno, invitando diverse scolaresche a stare accanto a me per un giorno, per capire, dall’interno, come funziona la macchina comunale e quali sono gli obblighi di un Sindaco.”

Durante la fase del dibattito, i baby consiglieri hanno rivolto una serie di interrogazioni ai baby assessori. C’è  stato chi ha chiesto all’assessore di riferimento cos’è il bilancio di previsione e chi ha posto il problema della sicurezza.

La tutela delle aree verdi, invocata a più voci, ha rivelato una cultura del rispetto dell’ambiente ed una sensibilità ben radicate, nonostante la giovanissima età degli alunni. Altri temi toccati nella discussione del baby consiglio comunale sono stati la riqualificazione del centro storico e la valorizzazione del museo all’aperto, attraverso l’ultimazione dell’isola pedonale, ma anche la richiesta di nuovi spazi di socializzazione e la realizzazione di laboratori di lettura e creatività. Non poteva mancare l’interrogazione sul problema dei rifiuti e sulla necessità di avviare in tempi rapidi la raccolta differenziata. Sulle questioni sollevate, pronte e disinvolte si sono rivelate le risposte dei baby assessori.

“Siete stati bravissimi – ha concluso il Sindaco Perugini nella sua replica. I consiglieri sono riusciti a parlare dei problemi veri, ma anche gli assessori hanno fatto benissimo la loro parte, con risposte giuste e concrete.”

Poi il Sindaco ha annunciato il regalo di Natale a tutti i bambini intervenuti: una copia del libro “Amicò” di Claudio Cavaliere che è stata consegnata all’uscita dal teatro. “ Questo libro – ha detto il Sindaco, invitando l’autore a salire sul palco - è la sintesi della vita dell'Amministrazione comunale. In esso troverete tutte le risposte che vi ponete come cittadini. Un libro che vi sarà utilissimo quando sarete chiamati a migliorare la qualità della nostra azione e quando, da grandi, sarete chiamati a fare cose migliori di quelle fatte da noi. Leggete questo bel volume durante le vacanze di Natale. Con il nuovo anno avremo modo di incontrarci  nuovamente nelle scuole e ridiscuterne.”

Non c’è consiglio comunale che si rispetti senza una votazione finale. E così è stato anche per il Consiglio comunale dei bambini che ha proposto l’adozione di una delibera, votata all’unanimità per alzata di mano : quella con la quale Sindaco e Giunta sono stati impegnati a tenere altri incontri con i bambini.

Quei bambini che avevano anche loro in serbo un bel regalo, per il Sindaco e l’Amministrazione comunale. Un regalo svelato proprio alla fine, quando tutti insieme hanno intonato l’Inno di Mameli, in omaggio alle imminenti celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia.