Prato

Centinaia di contenuti pubblicati ogni giorno su Clappo. Pubblica il tuo contenuto

Gli ultimi inserimenti

VINTAGE: L'IRRESISTIBILE FASCINO DEL VISSUTO

Museo Del Tessuto Di Prato 7 dicembre 2012 / 30 maggio 2013

Corteo notturno a Palermo: Usb Scuola accanto agli studenti contro crisi e repression​e

L’USB Scuola Palermo solidarizza con gli studenti, che questa mattina a Roma hanno deciso di dire no all’antidemocratico divieto a manifestare del Sindaco Alemanno per rivendicare legittimamente un presente fatto di lavoro, sogni e speranze.

AFT - Archivio fotografico toscano

Orario previo appuntamento telefonico al numero 0574 1835150

Ufficio Anagrafe del Comune di Montemurlo

il rilascio dei seguenti certificati: stato di famiglia, certificato di residenza, certificato di stato libero, certificato di cittadinanza, certificato di esistenza in vita, certificato di vedovanza, libretto di lavoro, carta d'identità, autentiche di firme e fotocopie, libretto sanitario, richiesta residenza e cambi d'indirizzo.

Ufficio Anagrafe del Comune di Carmignano

Le certificazioni anagrafiche, limitatamente alla residenza ed allo stato di famiglia, possono essere rilasciate sia all'interessato sia a chiunque ne faccia richiesta; in questo ultimo caso il richiedente deve essere identificato ed i suoi dati annotati nel registro delle certificazioni.

Ufficio Anagrafe del Comune di Cantagallo

il rilascio dei seguenti certificati: stato di famiglia, certificato di residenza, certificato di stato libero, certificato di cittadinanza, certificato di esistenza in vita, certificato di vedovanza, carta d'identità, autentiche di firme e fotocopie, richiesta residenza e cambi d'indirizzo.

Prato WiFi Liberi tutti

Ora anche i pratesi in vacanza in Maremma potranno navigare liberamente e gratuitamente con la stessa password e lo stesso accesso col il quale si sono registrati al WiFi Liberi tutti della Provincia di Prato. La rete federata infatti si allarga e ora anche Grosseto è entrata a parte del progetto che l'ente pratese ha sposato già nel febbraio scorso. Iscrivendosi al sito http://pratowifi.provincia.prato.it/ si ha la possibilità di gestire con un'unica password l'accesso libero e gratuito a internet non solo su tutti i comuni dell'area pratese fin'ora coperti, ma anche da qualsiasi area wifi del territorio degli enti federati a cui si è aggiunta nei giorni scorsi proprio il territorio maremmano con i Comuni di Follonica, Porto Santo Stefano, Scarlino, Grosseto e Marina di Grosseto, Porto Ercole, Massa Marittima e Orbetello.

Filiera corta della carne

Il mondo agricolo pratese vive un rinnovato dinamismo, anche grazie alle strategie della Provincia che sostengono l’agricoltura di qualità coniugando aspetti economici, sociali e ambientali. In questo ambito rientra il progetto della filiera corta che favorendo il rapporto diretto fra produttore e consumatore riesce a ottenere un risparmio economico insieme alla salvaguardia del territorio. E' quanto è emerso questa mattina nel corso della conferenza stampa di presentazione di “Analisi e prospettive della zootecnia pratese” promosso dalla Coldiretti col sostegno della Provincia, alla quale erano presenti l'assessore all'Agricoltura Stefano Arrighini, il vicedirettore della Coldiretti Maurizio Fantini, insieme ai produttori locali Riccardo Bolognesi ed Eugenio Minuzzo e la veterinaria Elisa Meloni.

WIFI a Prato

Si allarga il coinvolgimento del territorio nel progetto WIFI della Provincia che, dopo 50 punti destinati a enti e soggetti pubblici e altri 50 per quelli privati, si rivolge alle associazioni come potenziali partner. Proprio ieri pomeriggio a palazzo Buonamici l'assessore Alessio Beltrame ha avuto il primo incontro con una ventina di rappresentanti fra cui Arci, Case del Popolo, Legambiente, Pubblica assistenza, circoli e centri sociali. “Sondare l'interesse del mondo associativo per il progetto è fondamentale per poter mettere in piedi un bando adatto alle loro esigenze, con il quale penso che potremo assegnare altri 50 access point, arrivando così complessivamente a 150 punti su tutto il territorio provinciale - spiega Beltrame – La collaborazione con istituzioni, privati e associazioni è un elemento cardine della nostra iniziativa volta a diffondere il più capillarmente possibile i punti di accesso alla rete”.

Tavolo di distretto, Gestri con Cna e Confartigianato: da settembre impegno rafforzato

Impegno per il rilancio e un’organizzazione più incisiva del tavolo di distretto con l’obiettivo di raccogliere il massimo dall’Accordo di programma con il Governo che sarà firmato in autunno ma anche dal patto con la Regione. La richiesta, avanzata nell’incontro di questa mattina dal presidente di Cna, Anselmo Potenza e da Andrea Belli, presidente nazionale Federtessili di Confartigianato, è stata raccolta e rilanciata dal presidente della Provincia, Lamberto Gestri. “Raccolgo volentieri questo invito. Le partite aperte con il Governo e con la Regione impongono chiarezza e unità d’intenti. Quello di dare più forza al tavolo di distretto è tema vero che va affrontato – ha affermato il presidente - Da settembre propongo di mettere al lavoro due o tre gruppi di tecnici per dare sistematicità e forza d’insieme ai progetti presentati. L’appello del presidente Rossi a me e al sindaco Cenni di proporre cinque progetto perché la Regione li finanzi è un’altra sfida da affrontare”.

Provincia di Prato: ecco i progetti realizzati

Sedici milioni di investimenti annunciati per il 2011 e una spesa in ricaduta sul territorio che supera i 36 milioni di euro, a fronte di tributi al minimo di legge e un costo del personale che raggiunge appena il 15%. Sono numeri in positivo quelli che l'amministrazione provinciale snocciola al giro di boa dei due anni di lavoro, che per il 2010 (a consuntivo approvato) parlano di 9 milioni di euro destinati a investimenti con altri 33 milioni, circa il 70% della spesa, per i servizi e le spese della politica che si fermano al 2% (3 euro all'anno a cittadino). A questo va aggiunta la razionalizzazione del patrimonio dell'ente, che ha visto azzerarsi gli affitti (a eccezione di palazzo Vestri) per un risparmio fra 2010 e 2011 di circa 500 mila euro.

Il futuro del Distretto di Prato

Il presidente della Provincia Lamberto Gestri ha risposto ieri pomeriggio a una domanda di attualità presentata dal capogruppo del Pd Emiliano Citarelle, che chiedeva notizie sugli sviluppi del confronto già avviato fra Regione, Provincia e Comune di Prato sul tema del futuro del distretto manifatturiero. “Del progetto speciale per Prato abbiamo già cominciato a parlare, sul piatto attualmente ci sono 6-7 progetti ma, come il presidente della Regione Rossi ha già dichiarato, dovremo stringere l'accordo scegliendone 4 o 5, in modo da presentare una proposta realizzabile, che ci permetta di ottenere l'attenzione della Regione stessa”, ha detto Gestri aggiungendo che comunque nel piano di sviluppo toscano il progetto speciale per Prato già c'è ed è l'unico territorio finora inserito. Il presidente ha concluso annunciando che a settembre chiederà un incontro con i sindaci della provincia per affrontare la questione.

Terza corsia Firenze Mare

“L’accordo per la realizzazione della terza corsia della Fi – Mare rappresenta una vera e propria svolta nel quadro infrastrutturale della Toscana centrale ed è il risultato del lavoro delle amministrazioni locali che non comincia oggi e che non consideriamo finito. Si tratta infatti di passare dalle dichiarazioni generiche all’impegno concreto per quel che riguarda la viabilità alternativa, costituita dalla realizzazione dell’ultimo tratto della seconda Tangenziale in zona Iolo, che si sostituisce all’ipotizzato casello di Prato sud che non verrà realizzato”. Così l’assessore ai Lavori pubblici della Provincia di Prato, Ivano Menchetti, commenta il patto tra Autostrade, Regione Province e Comuni firmato questa mattina. Menchetti lancia un messaggio chiaro circa “la necessità di inserire le opere alternative al casello nell’ambito della progettazione della terza corsia”. “La realizzazione del lotto 4 B della Seconda tangenziale, che individua l’ultimo tratto di questa arteria in zona Iolo Caserana è determinante per il collegamento con l’Asse delle industrie e ha una rilevanza strategica per i servizi a migliaia di imprese”.

Flussi turistici, i primi sei mesi del 2011 rafforzano il trend di crescita del 2010

E' un risultato più che positivo quello che al 30 giugno registra un deciso balzo in avanti di arrivi (+ 6,2%) e soprattutto di presenze (+13%) turistiche sul nostro territorio e conferma il trend di crescita registrato già nel 2010. Il saldo favorevole dei primi sei mesi del 2011 vede lievitare del 14,2% le presenze dei turisti italiani (+11,9% quelle straniere) con una permanenza media di 2,5 notti e gli arrivi italiani (+ 9,8% rispetto al + 3,8% degli stranieri). Sono i dati elaborati dall’ufficio turismo della Provincia, sulla base dei numeri comunicati dagli operatori, che l'assessore Antonio Napolitano ha presentato questa mattina nel corso di una conferenza stampa.

Aree agricole nel parco della piana

In Consiglio provinciale la domanda d'attualità del capogruppo Idv Luca Mori che punta l'attenzione su 800 ettari all'interno del parco della piana attualmente riservati all'attività agricola, ma che potrebbero variare la propria destinazione. A rispondere l'assessore al Territorio Alessio Beltrame, che ha sottolineato anzitutto come il parco della piana sia nato, ancor prima che dalla programmazione regionale, dal piano di indirizzo territoriale della Provincia. “La salvaguardia delle zone agricole è uno dei punti fermi della gestione del territorio proposta dal Pit provinciale, che prevede vincoli precisi – ha detto Beltrame – Opere di interesse pubblico possono essere previste in aree di pregio o rurali, anche a vocazione agricola, sottoposte a minori vincoli. In ogni caso la discussione sull'assetto definitivo del parco della piana va affrontata in fasi successive, con la Regione ma anche all'interno dello strumento urbanistico pratese, un percorso che il Comune di Prato ha del resto già avviato”.

Neodiplomati, il 62% si iscrive all'Università e il 18% dopo due anni ha un lavoro stabile

Il 62% dei diplomati pratesi si iscrive all'Università e a distanza di due anni dal diploma lavora stabilmente (con un contratto a tempo indeterminato o di apprendistato) il 18%. Sono alcune delle anticipazioni della ricerca, promossa dall'Osservatorio scolastico provinciale, che sarà presentata a settembre dalla vice presidente della Provincia Ambra Giorgi, ricerca che sarà utile per analizzare meglio i percorsi scolastici dei ragazzi pratesi e studiare nuove opportunità di sostegno per le criticità.

Vuoi scrivere un articolo? Aderisci gratis e subito!

In evidenza